UNALTRABASILICATA è possibile con la PrimaVera Lucana

UNALTRABASILICATA è possibile con la PrimaVera Lucana

se faremo nostra la lezione della storia e delle lotte della nostra terra: no al cappello in mano, né di fronte al Partito Regione e né di fronte ai guru tecnologizzati!

Siamo lucani liberi e scegliamo la via della dignità di fronte alle sirene di chi ha portato alla crisi ed ai guru nascosti dietro i portali web che vorrebbero colonizzare la Basilicata al pari delle multinazionali.

Comunicato Stampa, 12 settembre 2013

Unaltrabasilicata è possibile è in piena attività per costruire una delle tre liste che compongono l’Alleanza dei movimenti e dei cittadini lucani PrimaVera Lucana.

“Siamo il frutto di un percorso chiaro, coerente e trasparente” sostiene Gianni Fabbris, uno degli animatori di Un’AltraBasilicata è Possibile e di PrimaVera Lucana “iniziato da circa due anni e che punta a costruire uno spazio di protagonismo per il cambiamento dei movimenti sociali, delle vertenze per i beni comuni, la terra, il lavoro e il reddito messo in campo da tanti uomini e donne di Basilicata che stanno resistendo ai processi di colonizzazione, di esproprio delle risorse e che impone il modello della crisi condannando la nostra terra e le nostre comunità all’impoverimento.”

Un’altrabasilicata, associazione costituita con codice fiscale e indirizzo e dal nome depositato di proprietà esclusiva delle Associazioni e dei soggetti che la hanno costituita (altri nomi fatti circolare impropriamente in questi giorni sono inopportuni, puntano inutilmente a ingenerare confusione e chi li ha usati è invitato a trarne le conseguenze ed a ritirarli) è nata da tempo, come si può vedere dal suo sito web che da conto dei del percorso avviato nel 2011 e avviato con il primo incontro a Potenza nel Febbraio 2012 ed a numerose iniziative pubbliche (di cui la stampa ha dato più volte conto) e che ha portato a promuovere la coalizione PrimaVera Lucana come ulteriore alleanza con movimenti civici e cittadini uniti dalla scelta di dare vita nel lungo periodo alla Costituente per il cambiamento e, nell’immediato, a partecipare alle elezioni regionali di Ottobre “Fuori, oltre e contro il Partito Regione e le sue false e strumentali opposizioni”.

Aggiunge Gianni Fabbris: “Siamo oltre e fuori dal politicismo e dal trasformismo di sigle improvvisate e strumentali: siamo quelli che da tempo e quotidianamente si incontrano nelle vertenze e nelle mobilitazioni e nell’impegno civile dei lucani per la Terra, l’Acqua, i Beni Comuni, la Cultura, il Lavoro, i Diritti, la Libertà e siamo fortemente determinati a contribuire alla costruzione di un fronte comune, un vero Comitato di Liberazione Regionale, contro chi, con decenni di malgoverno e falsa opposizione, ha la responsabilità politica e morale di aver portato la Basilicata alla crisi”

“Saremo una lista animata e popolata di uomini e donne del mondo della cultura, del lavoro, dell’impegno quotidiano per l’agricoltura, il turismo, i diritti, il lavoro, la messa in sicurezza del territorio e saremo insieme ad altre liste (prima di tutte quelle che si riconoscono in PrimaVera Lucana) con un obiettivo chiaro: far vincere le elezioni agli uomini e le donne di Basilicata”.

Per questo obiettivo servono una serie di condizioni, una prima di tutte: la volontà dei cittadini di scegliere la strada della dignità, della giustizia e della libertà. Ancora Fabbris: “Oggi chiediamo ai sindaci di Basilicata ed a quanti con loro sono impegnati nelle istituzioni di territorio lasciati soli a reggere la trincea del malessere sociale e della devastazione territoriale ed alle tante energie positive che stanno animando il confronto nel Movimento 5 Stelle di condividere con noi la scelta di libertà e autonomia contro i diktat che vengono dall’esterno sia quando sono imposti dal Partito di turno sia quando sono imposti da nuovi tecnocrati che si nascondono dietro il web svuotandoci di democrazia e con il chiaro intento di colonizzarci. In fin dei conti nella nostra storia, insieme a tanta rassegnazione e sopportazione dei potenti, c’è anche l’esempio straordinario che ci viene dalle lotte per la terra e dalle storie dei contadini che hanno saputo recuperare dignità e libertà senza togliersi il cappello di fronte agli agrari ed ai potenti. La strada di Di Vittorio: a testa alta di fronte ai ladri di futuro e dignità ogni volta che cercano di imbrogliarci anche se con le primarie taroccate o con la demagogia manipolatrice del web”

UNALTRABASILICATA, nel quadro delle iniziative in corso, parteciperà domenica prossima 15 settembre al seminario organizzativo in Val d’Agri per definire le ultime questioni organizzative con i partners di PrimaveraLucana e per dare l’avvio alla propria campagna elettorale.

Lascia un commento

Your email address will not be published.